Sand in the eyes

Rabih Mroué

 

28.09


Sabato, ore 20:30

Durata1h 05' senza intervallo

Teatrostudio

BigliettiCrediti

Rabih Mroué esplora la politica delle immagini nei video di arruolamento degli Islamisti. Questi filmati vengono girati in modo da catturare l’attenzione dei giovani cresciuti in Europa. Nello stesso tempo, però, Mroué ci pone di fronte ai limiti di ciò che è sopportabile guardare. Basandosi su materiali di ricerca come i video di arruolamento controllati dagli agenti dell’Intelligence tedesca, Mroué non si interroga solamente su cosa queste clip rivelino dei loro produttori e della loro capacità di attrazione, ma ne esamina politiche e dinamiche sociali.

Rabih Mroué, attore teatrale e cinematografico libanese, è soprattutto un drammaturgo e artista visuale. Il suo lavoro sul palcoscenico include video e installazioni artistiche. Queste ultime, talvolta, si compongono di fotografia, testo e scultura. Lo spettacolo del 2007 sulla guerra civile libanese, How Nancy Wished That Everything Was an April Fool’s Joke, fu bandito dal Ministero degli Interni libanese e presentato in anteprima a Tokyo. Il divieto fu infine revocato. Nel 2012, alcuni suoi scatti realizzati con il telefono cellulare a Homs, in Siria, hanno mostrato persone uccise durante i combattimenti del 2011/2012.

Prima nazionale

in inglese con sopratitoli in italiano

 

Crediti

scritto, diretto e con
Rabih Mroué

collaborazione alla ricerca
Andrea Geißler

traduzione in inglese
Ziad Nawfal

traduzione in italiano
Belma Dizdarevic

assistente
Petra Serhal

produzione
Haus der Kulturen der Welt, Berlin, parte del progetto “100 years of present”, fondato da Federal Government Commissioner for Culture and the Media in Germany

in coproduzione con
Hessisches Staatstheater Wiesbaden

Presentato nell’ambito del

  • home
  • seguici su Facebook
  • seguici su Instagram
  • seguici su Vimeo
email facebook twitter google+ linkedin pinterest